Piante Grasse: quali sono come curare dove comprare le succulente per giardino

piante grasse o succulente
piante grasse o succulente

La specie delle piante grasse dal punto di vista strettamente botanico non esiste proprio: esistono due categorie di queste piante ovvero cactacee e succulente che nel gergo comune vengono chiamate piante grasse.

Le piante cactacee hanno una conformazione tipica (striscianti, ricadenti, globosi, cioè quelle che hanno la forma di ‘cactus’) e sono le classiche piante grasse che conosciamo tutti quelle con tante spine.

Le piante succulente sono quelle che sembrano le classiche ‘piante d’appartamento’ (kalanchoe, schlumbergere, hatiore, crassulacee etc.) vivono nello stesso ambiente delle precedenti (anzichè spine e fusti tubolari, hanno foglioline succulente, coriacee etc. ed il più delle volte un modesto fusto).

Succulenta è qualsiasi pianta con tessuti carnosi e spessi adatti allo stoccaggio dell’ acqua. Alcune succulente (ad esempio i cactus) immagazzinano l’ acqua solo nel fusto e non hanno foglie o foglie molto piccole, mentre altre (ad esempio le agavi) immagazzinano l’ acqua principalmente nelle foglie. La maggior parte delle succulente ha radici profonde o larghe e sono originarie di deserti o regioni che hanno una stagione semiarida.

Gli stomi sono piccole strutture a bocca sulla superficie delle foglie e dei fusti della pianta che permettono l’ assorbimento di anidride carbonica dall’ ambiente e la perdita di acqua e ossigeno per l’ ambiente. Nelle piante succulente gli stomi si comportano in modo opposto a quello che è normale, cioè sono chiusi durante il giorno e aperti di notte. Di conseguenza, la perdita di acqua (traspirazione) durante le ore diurne calde e secche viene ridotta al minimo. Tuttavia, l’ assorbimento di anidride carbonica (CO2) avviene al buio. Le piante succulente, quindi, presentano una forma modificata di fissazione di CO2 e fotosintesi chiamata metabolismo degli acidi crassulaceanici. Nel metabolismo degli acidi crassulaceanici, la CO2 è fissata in un acido organico, l’ acido malico, e viene immagazzinata in vacuoli cellulari fino a quando l’ energia dalla luce solare è disponibile per la fotosintesi.

Le piante grasse o succulente sono notevolmente adattate a climi rigidi dove l’ acqua è scarsa.

piante grasse in casa
piante grasse in casa

Il loro aspetto varia da specie a specie, ma una caratteristica comune è il gonfiore delle foglie, dei cuscinetti o degli steli.

Riferendosi al dizionario, una pianta succulenta ha fusti spessi o foglie che immagazzinano l’ acqua. Questo adattamento unico permette alla pianta di sopravvivere in regioni a bassa umidità del mondo. Spesso si pensa che i succulenti siano originari solo di regioni aride, come i deserti, ma appartengono anche ad ambienti forestali, regioni di alta montagna, coste e aride aree tropicali. Ci sono oltre 50 famiglie classificate come succulente. Ci sono sia le succulente xerofite che prosperano in zone secche sia i tipi alofitici che vivono in terreni salini. Le succulente xerofite sono la forma più conosciuta e ampiamente disponibile come piante da casa o da giardino.

Mentre la maggior parte dei tipi di succulente richiedono temperature calde, terreno moderatamente asciutto, ben drenante e luce solare, alcuni possono resistere a temperature più fredde o addirittura basse. Queste succulente resistenti sono in grado di resistere a brevi gelate e di evitare danni da gelo. Occasionalmente, i periodi freddi costringeranno una pianta a dormire, ma tornerà a svegliarsi quando il tempo caldo ritorna. E’ importante sapere se la vostra pianta succulenta è una varietà tropicale o meno nei casi in cui è all’ aperto.

Una delle principali caratteristiche delle piante succulente è costituita da foglie spesse, carnose, ma vi sono anche varietà a foglia non succulenta. Questo è il motivo per cui i botanici e altri esperti sono in disaccordo sulla classificazione di alcune piante. La questione succulenta vs. cactus è spesso dibattuta anche tra i coltivatori professionisti. Questo perché i cactus producono le foglie carnose ma mancano di altre caratteristiche tipiche alla famiglia. In realtà, un cactus è in effetti una succulenta a causa della caratteristica di sfruttare e immagazzinare l’ acqua condivisa da tutte le specie del gruppo. Detto questo, una succulenta non è considerata un cactus.

Radici poco profonde sono un adattamento condiviso tra le succulente. Alcune varietà hanno radici più profonde, ma la maggior parte ha ampie zone di radice superficiale che consentono la massima cattura dell’ umidità quando si verificano piogge infrequenti.

Piante succulente, da quelle tropicali a quelle fredde e resistenti, sono disponibili in una varietà sorprendente di forme a volte bizzarre, colori e caratteristiche uniche; hanno foglie carnose o fusti che le aiutano a conservare l’ acqua per settimane o mesi.

Le succulente staminali sono quelle piante in cui il fusto della pianta viene ingrandito per contenere i tessuti di stoccaggio dell’ acqua. Queste piante possono avere foglie che sono anche succulente, ma queste sono ancora considerate succulente staminali, dal momento che i fusti sono la caratteristica più importante. Altre succulente del fusto possono avere foglie non succulente, foglie decidue o senza foglie.

All’ interno delle succulente staminali,ci  sono quelle piante che hanno fusti che contengono clorofilla. Questi steli tipicamente verdi prendono il posto delle foglie o si dividono con le foglie, il processo di produzione alimentare necessario in tutte le piante non antiparassitarie. Le famiglie di non-cactus che hanno molti esempi di specie succulente staminali sono quelle delle Apocynaceae e delle Euphorbiaceae.

Altre succulente non hanno clorofilla negli steli, ma dipendono dalle foglie. Queste piante hanno in genere uno stelo grigio o marrone ingrossato (o radice tuberosa), che è una struttura succulenta non vellutata. Queste piante sono comunemente chiamate caudiciformi e il gambo o la radice ingrandita è chiamata caudex. Alcuni coltivatori si concentrano esclusivamente su questo tipo specifico di succulento. Essi sono spesso coltivati come una pianta bonsai e in vaso in modi che enfatizzano il caudex. Le piante con radici tuberose, ma con fusti altrimenti “normali” possono essere deliberatamente sollevate sopra la linea del suolo per far risaltare il tubero carnoso di grandi dimensioni.

piante succulenti
piante succulenti

Le succulente a foglia sono piante che tipicamente hanno fusti piccoli o nulli e foglie ingrossate che conservano l’ acqua. Famiglie di piante come Agavaceae, Aizoaceae, Aloaceae e Crassulaceae sono prevalentemente a foglia. Una disposizione comune di queste foglie è quella di una rosetta. Nelle Aizoaceae in particolare, tuttavia, molte specie sono costituite da un’ unica coppia di foglie, senza fusti. In generale, le piante a foglia non hanno spine o strutture taglienti, tuttavia, come nelle Agavaceae, le foglie stesse terminano in una punta appuntita. Allo stesso modo, alcune specie di Aloe contengono punti rialzati o punte fogliari appuntite.

La maggior parte delle succulente può vivere per decenni con sole, luci luminose e annaffiature occasionali ma a volte hanno problemi con cocciniglie, o altri insetti.

Anche se alcune sviluppano il loro colore migliore quando esposte a molta luce, molte possono bruciare nel caldo sole estivo, in particolare nei climi umidi. Per le piante coltivate sopra una finestra con sole diretto può essere necessaria un riparo. Non abbastanza luce porta spesso ad una crescita debole.

Il loro nemico peggiore, se non il congelamento, è l’ innaffiamento eccessivo che può causare la fuoriuscita prematura delle foglie e marcire le radici e il fusto. Evitare questa operazione piantando in un terreno ben drenante contenente materia organica più sabbia grossolana e perlite o ghiaia, e acqua solo quando il terreno è asciutto.

Ci sono diversi modi semplici per propagare le succulente. Molte hanno piante piccole chiamate “cuccioli” che crescono da fusti corti alla loro base, che possono essere attorcigliati o tagliati e ripiantati. Quelli con gambi lunghi di solito si tolgono abbastanza facilmente, ma lasciate asciugare le talee per un giorno o più per ridurre la putrefazione.

Un numero elevato di succulente può essere coltivato da talee o foglie intere. basta piantarle in terriccio e con la minima cura cresceranno rapidamente in piante mature.

Una pianta succulenta può essere di qualsiasi dimensione o forma – alta e sottile, umida e a cascata, o con diffusione di rosette. Le sue foglie possono essere sottili o appiattite, rotonde, lunghe o ricce, e con variazioni di colore, strisce e variegature. Spesso hanno una crescita unica, con fronzoli e spine. La maggior parte hanno fiori interessanti.

Vale la pena notare che ci sono molte altre piante che si associano a piante succulente in questi ambienti difficili che non sono esse stesse succulente. Queste piante hanno altre caratteristiche che permettono loro di far fronte agli estremi estremi dell’ ambiente desertico. Il termine usato per questo tipo di pianta è “xerofita” – dal termine biologico xeric che si riferisce alla coltivazione in un ambiente asciutto. Si noti che questo termine ha a che fare con l’ ambiente e non con la struttura delle piante a cui è applicato. Quindi uno “xerofita” può essere o meno una pianta succulenta.  Poiché tutte le piante viventi contengono un certo grado di umidità nei loro tessuti le demarcazioni non sono così nette.Il genere Yucca è un ottimo esempio di gruppo di piante xerofite che ha poca succulenza reale, ma è ampiamente coltivato da appassionati di succulenti.

L’ Africa ospita la maggior parte delle specie di piante succulente diverse dai cactus. Al contrario, gli Stati Uniti sudoccidentali hanno una popolazione relativamente grande di persone che vivono in congiunzione con i cactus e queste piante si trovano anche comunemente in tutto il Messico e Sud America.Le storie e i film del “Selvaggio West” di queste aree hanno un fascino comune in tutto il mondo e spesso sono caratterizzati dall’ iconico cactus .Questo ha creato una consapevolezza delle piante di cactus che altre succulente non hanno ricevuto.Un’ altra ragione della preminenza del cactus tra le piante succulente è dovuta alle dimensioni della famiglia di piante e alla natura esclusivamente succulenta della famiglia. Al contrario, altre famiglie di piante contengono molte meno specie o possono essere costituite sia da membri succulenti che non succulenti. Inoltre, la stragrande maggioranza delle specie di cactus ha spine prominenti, mentre ci sono molte succulente che sono senza spine.. Di conseguenza, molti hobbisti coltiveranno rigorosamente le piante meno spinose per ovvie ragioni, escludendo così la maggior parte dei cactus. Su questo stesso punto, ci sono certamente quelli che coltivano i cactus invece per i fiori.

QUALI SONO LE PIANTE GRASSE O SUCCULENTE? LISTA COMPLETA

 

Agavaceae
Agave
Beschorneria
Furcraea
Hesperaloe
Manfreda
Polianthes
Yucca

Aizoaceae
Acrodon
Aethephyllum
Aloinopsis
Amphibolia
Antegibbaeum
Antimima
Apatesia
Aptenia
Arenifera
Argyroderma
Aridaria
Aspazoma
Astridia
Bergeranthus
Bijlia
Braunsia
Brownanthus
Carpanthea
Carpobrotus
Carruanthus
Caryotophora
Caulipsolon
Cephalophyllum
Cerochlamys
Chasmatophyllum
Cheiridopsis
Cleretum
Conicosia
Conophytum
Corpuscularia
Cylindrophyllum
Deilanthe
Delosperma
Dicrocaulon
Didymaotus
Dinteranthus
Diplosoma
Disphyma
Dorotheanthus
Dracophilus
Drosanthemopsis
Drosanthemum
Eberlanzia
Ebracteola
Ectotropis
Enarganthe
Erepsia
Esterhuysenia
Faucaria
Fenestraria
Frithia
Gibbaeum
Glottiphyllum
Hallianathus
Hammeria
Hartmanthus
Hereroa
Hymenogyne
Ihlenfeldtia
Jacobsenia
Jensenobotrya
Jordaaniella
Juttadinteria
Khadia
Lampranthus
Lapidaria
Leipoldtia
Lithops
Machairophyllum
Malephora
Marlothistella
Mesembryanthemum
Mestoklema
Meyerophytum
Mitrophyllum
Monilaria
Mossia
Muiria
Namaquanthus
Namibia
Nananthus
Nelia
Neohenricia
Octopoma
Odontophorus
Oophytum
Orthopterum
Oscularia
Ottosonderia
Peersia
Phiambolia
Phyllobolus
Pleiospilos
Polymita
Prenia
Prepodesma
Psammophora
Psilocaulon
Rabiea
Rhinephyllum
Rhombophyllum
Ruschia
Ruschianthemum
Ruschianthus
Ruschiella
Saphesia
Sarcozona
Sceletium
Schlechteranthus
Schwantesia
Scopelogena
Skiatophytum
Smicrostigma
Stayneria
Stoeberia
Stomatium
Synaptophyllum
Synaptopphyllum
Tanquana
Titanopsis
Trichodiadema
Vanheerdea
Vanzijlia
Vlokia
Wooleya
Zeuktophyllum

Aloaceae
Aloe
Astroloba
Chortolirion
Gasteria
Haworthia
Poellnitzia

Anacardiaceae
Pachycormus

Apocynaceae
Adenium
Angolluma
Anomalluma
Apteranthes
Australluma
Ballyanthus
Baynesia
Borealluma
Boucerosia
Caralluma
Ceropegia
Cynanchum
Duvalia
Echidnopsis
Edithcolea
Hoodia
Huernia
Larryleachia
Lavrania
Notechidnopsis
Orbea
Pachypodium
Pectinaria
Piaranthus
Pseudolithos
Quaqua
Raphionacme
Rhytidocaulon
Richtersveldia
Stapelia
Stapelianthus
Stapeliopsis
Tavaresia
Tridentea
Tromotriche
Whitesloanea

Araliaceae
Cussonia

Asteraceae
Coreopsis
Othonna
Senecio

Bromeliaceae
Deuterocohnia
Dyckia
Hechtia

Burseraceae
Bursera
Commiphora

Campanulaceae
Brighamia

Convolvulaceae
Ipomoea

Crassulaceae
Adromischus
Aeonium
Afrovivella
Aichryson
Cotyledon
Crassula
Cremnophila
Dudleya
Echeveria
Graptopetalum
Graptosedum
Greenovia
Hylotelephium
Hypagophytum
Kalanchoe
Lenophyllum
Meterostachys
Monanthes
Orostachys
Pachyphytum
Phedimus
Pistorinia
Prometheum
Rhodiola
Rosularia
Sedella
Sedum
Sempervivum
Sinocrassula
Thompsonella
Tylecodon
Umbilicus
Villadia

Cucurbitaceae
Ibervillea

Didiereaceae
Alluaudia
Alluaudiopsis
Decarya
Didierea

Euphorbiaceae
Euphorbia
Jatropha
Monadenium
Pedilanthus

Fabaceae
Erythrina

Fouquieriaceae
Fouquieria

Geraniaceae
Monsonia
Pelargonium

Hyacinthaceae
Albuca
Bowiea
Massonia

Lamiaceae
Plectranthus

Malvaceae
Firmiana

Moraceae
Dorstenia
Ficus

Passifloraceae
Adenia

Pedaliaceae
Sesamothamnus

Portulacaceae
Anacampseros
Avonia
Calandrinia
Cistanthe

Rhamnaceae
Colletia

Ruscaceae
Beaucarnea
Calibanus
Dasylirion
Dracaena
Nolina
Sansevieria

Selaginellaceae
Selaginella

Vitaceae
Cissus
Cyphostemma

Welwitschiaceae
Welwitschia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi